Fonte:  Pubblicom Now

Per il sesto anno consecutivo XChannel, che offre soluzioni di marketing crosscanale per il largo consumo, si conferma in crescita. La crescita del 2019 è stata dovuta dall’ingresso in portfolio di multinazionali leader dei principali settori del mass-market: Manetti & Roberts (personal care), Bolton Manitoba (home care), Perrigo (farmaceutico), Storck (food), Chicco-Artsana e Stadlbauer-Carrera (toys), Arena Water Instinct (abbigliamento sportivo). A questi si affiancano le conferme di importanti brand italiani che da anni lavorano con XChannel come Pasta Rummo, Formec Biffi, Spumador, Refresco, Città del sole. La parte del leone nei fatturati di XChannel viene fatta dalle strategie Drive-To-Store”. Pesano il 57% del portfolio dell’azienda milanese e si basano sulla grande efficacia di mezzi come Google, YouTube, Facebook e Instagram per catturare l’immaginario dell’audience digitale italiana. Ma, oggi, 22 milioni di Italiani consultano Amazon come primo touch-point di una attività crosscanale, vale a dire prima di fare un acquisto, sia questo online oppure offline. Le vendite su Amazon dei clienti di XChannel sono aumentate quest’anno dell’89%. Il business di XChannel su Amazon è cresciuto di oltre il 500% e per quasi un terzo viene già oggi sviluppato nei principali Paesi europei, con in testa Germania e Spagna. E proprio alla Spagna XChannel guarda per il suo sviluppo internazionale nel 2020, Paese con simmetrie e analogie con l’Italia: un’audience simile sia dal punto di vista antropologico che socio-demografico, i medesimi brand, le stesse dimensioni per il mercato e-commerce, gli stessi trend nella penetrazione del commercio digitale, gli stessi leader nei diversi campi del tech. Infine, trova sinergie importanti nell’utilizzo delle tre piattaforme con le quali XChannel lavora di più: Google, Amazon e Facebook.