Facebook non è solo branding.

E non è solo per le grandi imprese.

70 milioni di imprese, nel mondo, hanno una pagina aziendale su Facebook (dati: elaborazione Facebook). Un numero molto importante, che mette in chiaro da subito che la stragrande maggioranza delle aziende user sia una PMI.

E in Italia?

In una bella intervista concessa a Il Sole 24 OreMarco Grossi – Senior Manager di Facebook Italia – sottolinea come l’87% degli utenti italiani sia connesso ad almeno una PMI dal nostro paese. E aggiunge che 143 milioni di persone nel mondo sono connesse con un’azienda Italiana attraverso Facebook.

Le opportunità di branding sono ovvie. E, anche, immense.

Tuttavia, Facebook non è solo branding. In specie per le PMI.

“Nei prossimi cinque anni la messaggistica sarà fondamentale perché attraverso i Botsi automatizzeranno sempre di più i customer service”, aggiunge Grossinell’intervista citata poco sopra.

E, allora, Messenger sarà sempre più centrale – e utile, in particolare per aziende che non possono permettersi ad esempio un servizio alla clientela su larga scala, per esempio telefonico.

Non solo. Un’altra novità importante arriva dal settore che sta partorendo le maggiori novità tech in questi trimestri. Grazie ad un recentissimo accordo tra Facebook e Paypal, infatti, gli utenti possono ora pagare con Paypal attraverso Messenger.

“Questo consente, in pratica, di fare acquisti direttamente su Facebook”, conclude Marco Grossi. Con ovvi benefici per le PMI – in particolare per quelle dei servizi.

Alternative Text

Federico Corradini

Laurea all’Università Cattolica di Milano e Master in Bocconi, si occupa di marketing, vendite e comunicazione dal 2003. Ha lavorato per dieci anni in Colgate-Palmolive, in Bolton Manitoba e in Google. Ha approfondito con il Prof. Visconti i concetti del marketing online e dello storytelling; con il Prof. Guenzi ha discusso alla SDA Bocconi di leadership e sales management; con la Prof.ssa Ceriani ha lavorato all’applicazione della semiotica generativa alla pubblicità e alla comunicazione. Nel dicembre del 2013 ha lasciato la sua posizione di Team Lead Italy in Google Ireland, a Dublino, per tornare in Italia e fondare, a gennaio 2014, XChannel.