L’eCommerce advertising punta nel 2021 a raccogliere 310 milioni di euro e nel 2023 a superare i 360 milioni di euro.

In un mercato italiano dell’Internet Advertising in continua crescita, sono 2 gli attanti a fare da traino. Secondo l’Osservatorio di ricerca del Politecnico di Milano (11 giugno 2019) il 2018 si è chiuso ha raggiunto i 2,98 miliardi di euro di raccolta Advertising, in crescita dell’11% rispetto al 2017.

La componente in maggior sviluppo, non in valore assoluto, è il mercato video, che cresce del 25% nel 2018 ed è stimato intorno al 15-20% nel 2019. In particolare il formato video out-stream, legato anche al mondo dei social network, raggiunge il 40% della componente video raggiungendo la fetta di video in-stream, pre-roll, post-roll e mid-roll.

Classifield e l’eCommerce advertising comprendono la pubblicità raccolta sui siti eCommerce per migliorare il posizionamento all’interno dei propri motori di ricerca di determinati prodotti e servizi.

A livello globale, nello specifico in Cina, il mercato totale dell’eCommerce, secondo Statista, vale 584 miliardi di dollari e nel 2022 potrebbe raggiungere quota 917,7 miliardi. La share dell’eCommerce Advertising sul totale spesa pubblicitaria, invece, è cresciuta dallo 0.8% del 2009 al 18.2% stimato per il 2018, grazie agli investimenti pubblicitari in Alibaba.

In Italia questo tipo di pubblicità vede Amazon tra i suoi protagonisti. La maggior parte del fatturato Amazon, nel primo trimestre dell’anno, spetta all’advertising, con un giro d’affari di 2,72 miliardi di dollari in crescita del 36% rispetto allo stesso periodo del 2018, conferma Brian Olsavsky, Cfo di Amazon.

L’advertising continua a essere il focus per Amazon, che continua Olsavsky, spinge la società in continui investimenti su nuovi prodotti e strumenti di reportistica a servizio di brand e aziende “making it easier to use our Amazon demand-side platform, things like that, operational improvements”.

Ciò non sorprende considerando che Amazon è diventato in tempi rapidi il terzo player del mercato pubblicitario digitale dopo Google e Facebook. Sebbene nel 2018, il duopolio pubblicitario di Google e Facebook possedeva parte dominante del mercato, rispettivamente il 37% e il 20%, mentre Amazon possedeva un misero 7%, il fatturato pubblicitario di Amazon è salito del 250% nel terzo trimestre del 2018 rispetto al terzo trimestre del 2017.

Vedremo quindi nel 2019 la nascita di un tripolio, con Amazon in prima linea nell’eCommerce advertising?

Alternative Text

Giulia Di Giacomo

Laurea in Lettere all’Università di Torino e una laurea magistrale in Letteratura, Filologia e Linguistica nello stesso ateneo, ha specializzato il suo percorso di studi con il Master in Marketing e Comunicazione dell’Università Bocconi. Questo ibrido di conoscenza specificatamente umanistica e saperi economici e manageriali le ha permesso di sviluppare versatilità e flessibilità. Vanta una consistente esperienza da Content Marketing Manager. Ora si occupa di Performance Marketing e Growth hacking. Peculiarità? Pragmatismo, entusiasmo e vision.